Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,  clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
  • 089 227502
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 9-13 17-20

Matite colorate

Con un nuovo aspetto, la Sansevieria cylindrica sta conquistando l’attenzione dei giovani e di un pubblico sempre più vasto.

La novità dell’anno è senza alcun dubbio la Sanseviera cylindrica colorata. In vetrina impossibile non esporle. Tutti, ma proprio tutti, si fermano incuriositi. Le domande più frequenti: «Sono vere?... Posso toccale?... I cappuccetti si levano?...  Sono matite? …Ma la colorazione le fa morire?».
In genere rispondo con un sorriso: «Certo che sono vere, le può toccare». «Non sono cappuccetti, ma una colorazione chiamata floccatura». «Non è una pianta matita, ma una Sansevieria cylindrica». «No, assolutamente, sono sostanze atossiche, pensi ad una donna che si tinge i capelli… finora noi signore non siamo ancora morte».
Il cliente ride divertito e indeciso nella scelta ne acquista addirittura tre! Una blu per il salotto, una gialla per la camera dei ragazzi e una fucsia per la moglie.
La pianta conquista non solo per il nuovo look, ma anche per l’incredibile resistenza. Esposta in bella mostra in appartamento, ufficio o negozio diventa una pianta oggetto d’arredamento. Semaforo rosso alle innaffiature eccessive, basta un ristagno d’acqua ed è   spacciata per sempre, non ama il sole diretto, il freddo e le correnti!

Il successo della S. cylindrica ha favorito anche il ritorno di un’altra pianta dello stesso genere, la Sansevieria trifasciata.
Rimasta per ben 40 anni rilegata in un angolo, ora grazie all’amica superstar risplende di luce riflessa.
Rispolvera il suo stile moderno anni ’70, che piace tanto agli interior designer, e gioca la carta delle sue proprietà benefiche, che convince i naturalisti. La pianta, infatti, assorbe inquinanti nell’aria e rilascia ossigeno anche di notte.
Certo, ride di gusto quando le nuove generazioni la guardano per la prima volta convinti di trovarsi di fronte a un’assoluta novità.
Le due piante si affiancano felicemente in questo nuovo momento storico.
I colori matti della S. cylindrica hanno creato un tam tam tra i giovani che trascinano gli amici ad ammirarle.
Se prima entravano in negozio solo per la classica rosa per il primo appuntamento d’amore, ora arrivano sicuri di sé, curiosi e divertiti, e chiedono matite colorate! Forse vogliono colorare questo mondo in bianco e nero, dove non esiste meritocrazia, dove regna l’incertezza per il futuro, dove violenza e bullismo da quattro soldi intossicano le loro vite…

Nelle parole del repper italiano Guè Pequeno si trova tutta la loro rabbia e al tempo stesso la loro gioia di vivere:
“Voglio ridisegnare il mondo, dammi una matita, voglio ridere come se non avessi mai pianto, voglio la Luna e camminarci sopra come Armstrong.”

Epilogo
Dopo avere inviato il pezzo che state leggendo in redazione, mi chiama il direttore del giornale Il Floricultore: «Anny, dimmi la verità: a te piacciono questi “nuovi mostri”? Nella nostra rivista raccontiamo la bellezza della Natura e io mi domando se c’è davvero bisogno di questi artifici?».
Ebbene, la mia opinione, caro Direttore, è che l’Olanda sta creando una nuova linea per mercato che non ha nessun interesse per le piante.
La pianta-oggetto colorata, che ha bisogno di pochissime cure se non nulle, piace molto, ed è vista come qualcosa di estremamente nuovo.
Acquistai i primi plateau per puro esperimento. Volevo vedere come reagivano i clienti. Molti sono inorriditi. Soprattutto le signore che comprano abitualmente i fiori per casa, amano il giardinaggio. Insomma, i veri pollici verdi, per intenderci.
Che dirle caro direttore, c’è una regola d’oro che vale sempre dietro  al bancone “ Il Mercato ha sempre ragione, cercherò di dargli sempre quello che chiede!”

 

Anny Pellecchia

Leggi gli altri articoli del BLOG - Donna tra i Fiori.

Copyright © Ugo Pellecchia & Il Floricultore

 


BLOG - Donna tra i Fiori