• +39 089 227502
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 9-13 17-20

O divinità mattutina, sorgi dalle acque come Afrodite schiudendo la tua corolla magnifica, accarezzata dai primi raggi del sole caldo della bella stagione. Nessuno può sottrarsi al tuo incanto, è un dono contemplarti, perché si sa, la tua bellezza dura un giorno, a tarda sera richiudendoti in te stessa ritorni nel mondo liquido da dove sei venuta.


E’ per questa magia che ogni anno porto in negozio una bella confezione di ninfee rustiche di vari colori facili da coltivare alle nostre temperature. Certo è difficile vendere un bicchierone di plastica pieno d’acqua con un rizoma all’interno e una foto indicativa del fiore, in piena città. Ma che ci posso fare, sono un’inguaribile romantica, proiettata nell’antica Roma.

Vedo una Ninfea, e immagino di essere in una villa patrizia, seduta ai bordi di un ninfe.! Certo che poesia venerare le Ninfe in casa, avere una vasca dove coltivare piante di ninfee. Il ninfeo fu pure un sogno continuato nei giardini all’italiana del periodo barocco e romantico… poi man mano l’uomo moderno si è disconnesso dalla bellezza della natura per qualche inceppo nel sistema interplanetario, non ha interesse alla contemplazione della sinfonia di colori che fiori e foglie donano ogni giorno gratuitamente al nostro sguardo.
Eppure rimango fermamente convinta che lo scopo di un giardino, di una terrazza o anche di un piccolo balcone fiorito è quello di donare felicità e pace alla mente. È così facile creare un ninfeo, anche se non si possiede un giardino con vasca, basta una tinozza, uno strato sul fondo fatto di argilla sabbia e sassolini per ancorare il rizoma, qualche pesciolino rosso per creare un piccolo ecosistema in miniatura, sole ed è fatta!

Per chi è terrorizzato dalle zanzare al posto dei pesciolini rossi consiglio le gambusie, pesci minuscoli divoratori dell’odiato insetto. Basta rabboccare sempre il livello dell’acqua in modo tale che tutti abbiano sempre acqua a sufficienza.

Possiamo invitare Plinio, Marziale, Orazio, tutti e tre i poeti concordano che una casa senza ninfeo è incompleta e che l’aspetto più importante dell’acqua rimane legato al piacere di contemplare l’acqua come valore estetico. Naturalmente un ninfeo deve essere una sinfonia di colori utilizzando allo scopo anche meravigliosi fogliami come Papiri, Equisetum, Thyphe… bisogna sempre ricordare, che una persona desidera vedere un bel quadro alla volta e non un accozzaglia di varietà messe a casaccio, la cosa non è semplice al contrario richiede conoscenze specifiche che possono scaturire da lunghi studi attività ed esperienza.

Il grande pittore Claude Monet, sapeva bene tutto ciò, tanto amava le ninfee, che dopo aver acquistato un pezzo di terra a Giverny, vicino Parigi, intentò una causa all’amministrazione pubblica pur di deviare un piccolo fiume, il Ru, così da ricavarne un bacino per far sì che le ninfee si rigenerassero senza sosta. A giudizio vinto poté finalmente godere del suo piccolo paradiso, sistemare il cavalletto sulle sponde del laghetto e dipingere la sua ossessione, le ninfee. Voleva intrappolare sulla tela acqua luce e aria per l’eternità!

Era vittima di un incantesimo! Le sue ninfee le dipinse ben duecentocinquanta volte, senza contare molte tele distrutte, sfregiate o bruciate durante attacchi d’ ira spasmodica perché non le riteneva soddisfacenti. Comunque le dodici tele lunghe quattro metri ciascuna sono esposte in una sala creata apposta per Monet di forma ovale al museo dell’Orangerie a Parigi.

A distanza di un secolo, il visitatore ha la stessa sensazione come scrisse lo scrittore Lucien Descaves “Esco dalla vostra mostra abbagliato e meravigliato”. Al pittore Monet deve essergli successo sicuramente qualcosa di incredibile, proprio come accadde a Hilas nelle avventure di Giasone e gli Argonauti. Come tutti ricordano Hilas era uno scudiero imbarcatosi con Giasone per la conquista del Vello d’oro. Durante una sosta, Hilas scese dalla nave in cerca di una fonte di acqua dolce. Quando le Ninfe lo videro se ne innamorarono, una di loro lo prese e lo tirò verso l’acqua per baciarlo, trascinandolo poi nella fonte con loro. Ecco, immagino che anche Monet sia stato rapito dalle Ninfe del suo lago, avrà visto la loro bellezza, avrà sentito il loro profumo, avrà toccato con mano quel confine tra umano e divino, e solo attraverso questa magica empatia è riuscito a creare la grande sinfonia cromatica fatta di fiori prima che di pennelli, sprigionando uno stupore mistico, scaturito dall’amore infinito verso la Natura.

Anny Pellecchia

Leggi gli altri articoli del BLOG - Donna tra i Fiori.

Copyright © Ugo Pellecchia & Il Floricultore

 



Domani, continuerò ad essere. Ma dovrai essere molto attento per vedermi. Sarò un fiore o una foglia.Sarò in quelle forme e ti manderò un saluto. Se sarai abbastanza consapevole mi riconoscerai, e potrai sorridermi. Ne sarò molto felice.

Thich Nhat Hanh

Un uomo mi porse l’urna tra le mani, entrai in macchina, era lì tra le mie braccia, destinazione il giardino della sua casa, della nostra casa, alle porte della Costiera Amalfitana. Guardando fuori dal finestrino risentivo le sue parole: «Quando vidi quel pezzo di terra proiettato nel mare me ne innamorai». E in quell’innamoramento non c’era solo l’idea di creare un piccolo paradiso, c’erano anche mia madre, mia sorella ed io. Come mi sentivo? Nonostante il cuore mi facesse tanto male sentivo il mio corpo come uno scrigno colmo delle ricchezze più belle. Lo aveva colmato mio padre durante tutta la mia vita. Era un vulcano di energia, di positività, di lavoro, di forza, di saggezza antica e amore per il prossimo.

Era un giardiniere, un fiorista, un artista… se chiudo gli occhi vedo le sue mani rugose porgermi le piante come gioco: «Sono piccole agavi, piantiamole nei vasetti» oppure, le talee del prato Stenotaphrum appena arrivate dall’Africa: «È un nuovo prato», diceva trionfante. «Si piantano orizzontalmente nel terreno, soffocheranno tutte le erbacce! Sarà così morbido che potremmo camminarci scalzi!». Ogni pianta nuova che portava in giardino era una storia meravigliosa di una terra lontana! «Guarda, la Yucca elephantipes, si chiama così perché la base del tronco assomiglia a una zampa di elefante». Nella vasca dei pesci c’era un mondo fantastico, dove le nostre barchette di plastica navigavano tra gigli d’acqua con la loro buffa struttura spugnosa, fiori di ninfee, papiri e rane. Su di un pezzo di legno inchiodato ad un asse, scrisse “Al boschetto”. Aveva lasciato una parte del giardino con le piante autoctone, un bosco buio di querce, carrubi, ulivi, fiori d’acanto. Conduceva ad una piccola chiesetta sconsacrata, un mondo incantato dove noi bambini creavamo giochi infiniti. Nella serra costruita con le sue mani una Passiflora quadrangularis era protetta come una fata. E poi c’era la limonaia, dove le notti di primavera salivamo al terrazzamento più alto del giardino, tenendolo per mano, ridevamo felici perché erano arrivate milioni di lucciole e tutti i fiori di zagara, schiudendosi, impregnavano l’aria di profumo: i cani scodinzolavano tra le nostre gambe, la Natura tutta rideva con noi, perché la gioia era tutta lì, tra fiori di zagara nel buio illuminato da lucciole e stelle!

Il giardino era anche il suo laboratorio, ogni giorno tagliava foglie di palma, banani, papiri, bacche, rami per creare poi in negozio creazioni floreali inedite. Un pioniere dell’arte moderna floreale, si aggiornava continuamente comprando libri di botanica, arredo giardini, composizioni. Stava creando, senza accorgersene, anche una biblioteca di vero pregio. Tutte le piante del giardino venivano riprodotte e diventavano a loro volta altri giardini. Instancabile era la sua sete di conoscenza, quando varcai con lui i cancelli di “Euroflora” rimasi senza parole, camminammo talmente tanto che i piedi si riempirono di vesciche, per scusarsi mi comprò un paio di scarpe nuove, morbide come le nuvole! Ma che importava, avevo visto tutte le piante del pianeta, e conosciuto tutti i suoi amici del settore florovivaistico d’Italia!

“Ugo Internazionale”, così lo chiamavano, perché non si perdeva una fiera. Visitò mezzo pianeta: la Foresta Amazzonica, i boschi di Sequoie, le foreste asiatiche ricche di orchidee, il mistero dell’arte dei bonsai e ikebana in Giappone ecc.

Ogni volta che tornava, la casa era piena di regali esotici, ma la cosa più bella erano i suoi racconti fantastici sulle piante, che regalava non solo a noi ma anche a tutti i clienti del negozio. Il negozio era un faro per tutta la città e la provincia, la sua comunicazione era dirompente, galante con le signore, amico divertente con gli uomini, tutti diventavano senza sforzo suoi amici, e anche i professionisti – pur continuando a dargli il lei – lo chiamavano nonostante tutto “Ugo”. Era l’era delle tv private, voleva talmente far conoscere il mondo delle piante che decise di creare una trasmissione sul verde, sicuramente fu una delle prime del genere, anche in questo fu un pioniere. “Idea Verde” era talmente seguita che la gente veniva in negozio per conoscerlo. Luisa Rivelli lo invitò alla sua trasmissione “Il mercatino del sabato”, su Rai 1 per parlare di piante e fiori.

Quello che stupiva era la facilità con cui faceva ogni cosa. Nessuno però sapeva che dietro quell’esplosione di energia, c’era invece un’infanzia dura e solitaria senza genitori, la morte tragica della sorella Annamaria, la guerra, i bombardamenti e lo stupore di essere ancora vivo nonostante tutto. Era la voglia di affermazione, di essere amato da tutti, lui il bambino che non aveva mai conosciuto le carezze di sua mamma. Non si lamentava mai, e se mi vedeva piangere o triste diceva semplicemente: rialzati e cammina. Si può sbagliare una volta, se sbagli ancora vuol dire che sei recidiva. E così facevo di tutto per non deluderlo, i suoi silenzi erano peggio di ogni punizione.

La Natura lo chiamava continuamente per farsi ammirare, ricordo durante la preparazione di un matrimonio, mi indicò una radura dove milioni di achillee ondeggiavano nella brezza del primo mattino: «Vai», disse, «raccoglimene un bel fascio, la più bella composizione è quella di Dio giardiniere». Ed aveva ragione, ancora oggi quando cammino o sono in macchina guardo con i suoi occhi le incredibili varietà di composizioni di fiori ed erbe spontanee che mi circondano, aggrappate ai muri, lungo i bordi delle strade, sulle spiagge, in collina.

Mia madre, mia sorella Olimpia ed io lo abbiamo amato tantissimo, poi quando mia madre si ammalò non c’era giorno che non le portasse un fiore. Vivemmo l’inferno della malattia in un mondo di amore. Quando la sua sposa volò in cielo tutte le sue energie furono solo per ricongiungersi a lei. Dopo dieci mesi, il giorno della Festa della mamma, lo “scugnizzo del Vesuvio” si accasciò davanti al Teatro Verdi di Salerno, la sua città del cuore.

Con mio figlio Stefano continuammo a lavorare per tutte le mamme del mondo, poi quando ogni ordine era stato portato a termine finalmente lo raggiungemmo… se avessimo abbandonato i clienti in un giorno di festa non ce l’avrebbe mai perdonato. Del resto questa dedizione al lavoro fu premiata con la nomina di Cavaliere e Maestro del Lavoro.

Arrivati davanti al cancello del giardino, il cane, come se avesse capito, per la prima volta non ci venne incontro. Lo trovai il giorno dopo davanti la finestra di mio padre, raggomitolato col muso tra le zampe. Una nuova alba sorgeva in giardino, le piante rilasciavano nell’aria vapori accarezzate dai primi raggi di luce, tutto era silenzio, il mare blu innanzi a me, lo stesso scenario che vide mio padre la prima volta.

Anny Pellecchia

Leggi gli altri articoli del BLOG - Donna tra i Fiori.

Copyright © Ugo Pellecchia & Il Floricultore

 


Gli iris sono fioriti! Immancabili in negozio, mio padre non ne poteva far a meno, ogni fascio o composizione veniva abbellito con quel bel blu del cielo.

La specie più comunemente coltivata è coltivata  è l' Iris xiphioides, ma mio padre, instancabile cercatore di bello, ne aveva piantati una bella quantità di altra varietà all’ingresso del giardino di casa. Ormai sono più di cinquant’anni che i grandi Giaggioli (Iris germanica) blu-violacei annunciano l’arrivo della dolce primavera.

Iris la messaggera degli Dei, figlia di Taumante ed Elettra scendeva dal cielo lungo l’arcobaleno che da lei prendeva il nome, si materializzava innanzi ai miei occhi di bambina con lo sbocciare di quei morbidi fiori dai petali striati di varie gradazioni.
La storia degli Iris si perde della notte dei tempi, di origine asiatica gli Egizi già li coltivavano non solo per il profumo ma anche per le proprietà medicamentose e per il colore “verde Iris” ottenuto dalla pestatura dei fiori.

Con tutta probabilità gli arabi li introdussero in tutto il bacino del mediterraneo. Il bel fiore divino agli dei è stato fatto proprio dalle civiltà d’Europa.

Il Giglio della Bibbia, il Giglio di Francia, il Giglio di Firenze, il Giglio di San Marco, Il Giglio Borbonico del regno delle due Sicilie… sono in realtà Iris chiamati impropriamente Gigli. Un errore forse dovuto al fatto che entrambi appartengono allo stesso gruppo botanico, o forse perché in pieno medioevo era facile cadere in errore non avendo a portata di mano libri da consultare.
Immaginiamo solo per un attimo il re dei Franchi Clodoveo nel 507 durante la guerra vicino Poitiers combattere e vincere gli acerrimi nemici Visigoti. In quel momento terribile di paura ma anche di gioia per la vittoria vide sulle sponde di un fiume una meravigliosa distesa di fiori di gigli. Erano in realtà Giaggioli ed entrano come segno divino nello stemma della Corona di Francia.

Da quel giorno fino ad oggi vengono indicati come Gigli di Francia!
Lo stesso errore accadde con il Giglio dello stemma di Firenze, l’Iris, che cresce da sempre lungo la valle dell’Arno. La prima insegna fiorentina fu il Giglio bianco, in campo rosso, più tardi nel 1251, dopo la vittoria dei Guelfi i colori si invertirono.

Eppure la struttura iconografica dell’Iris è chiara, la conformazione è il tre: tre petali interni eretti, tre petali esterni ricadenti. In tutti gli stemmi il petalo centrale prende la forma di una picca, proprio a significare la forza della guerra e della vittoria sul nemico.
Solo Van Gogh nella sua pazzia li riconobbe come Iris. Durante il suo ricovero per un tracollo nervoso all’ospedale di Saint-Remy- de Provence, la pittura gli venne in soccorso. La bellezza della natura che circondava l’ospedale rapì i suoi occhi.

Gli Iris che ammirava divennero la medicina del suo animo, la mente si ossigenò di bellezza e pace trasferendo tutto ciò in dipinto. Immergendosi nella grande tela assistiamo al senso panico della grandiosità della Natura: la leggerezza dell’aria, il profumo di fiori, la luce del sole, la morbidezza dei petali, la guarigione interiore non solo del pittore ma anche di noi stessi. Scriverà al Fratello Theo “Gli Iris sono il parafulmine per la mia malattia”. 
In negozio per me gli Iris sono tutti gli Iris di Van Gogh. Ogni volta inserendo gli Iris nei lavori floreali dico al cliente “Non può mancare un Iris di Van Gogh”! E’ un inno all’artista, un inno alla sua sofferenza e al suo genio incompreso. I clienti sorridono e approvano.
Vincent, eri una divinità ma nessuno se ne accorse.

Sei proprio come Didone morente raccontato da Virgilio nell’Eneide: Iride rugiadosa, nel cielo traendo mille colori dal sole, discese anche su di te e si fermò sul tuo capo, ti liberò dal corpo irradiando la tua arte per l’eternità. 

Anny Pellecchia

Leggi gli altri articoli del BLOG - Donna tra i Fiori.

Copyright © Ugo Pellecchia & Il Floricultore

 

 


  1. Anemoni - La bellezza è negli occhi di chi guarda
  2. Protea, fiori di fuoco
  3. “Ling Zhi” il fungo dell’immortalità
  4. Vischio - Auguri per il nuovo anno
  5. Nonno Arturo e papà Ugo col racconto del Natale ‘44
  6. Natale. La corona dell’Avvento e il senso dell’eternità
  7. Loto, il fiore che avvicina al Nirvana
  8. Plumeria, il sogno polinesiano
  9. Mughetto, il profumo dell'amore
  10. Sterlizia, capolavoro della natura
  11. 8 marzo - Festa della donna -
  12. Social network - Scatto, dunque sono
  13. Amaryllis, stupore sotto l’albero
  14. Real Parco di Capodimonte
  15. Jasminum amore sponsale
  16. Matite colorate
  17. Potere ai fiori!!! I consigli dell’esperta tra le differenti tipologie.
  18. Peace Love and Fiordalisi
  19. Magia generatrice della Natura
  20. Un fiore di nome Vanda
  21. Narcisi tra tradizioni e leggende
  22. Natale nel segno della mela
  23. L’insostenibile fascino delle succulente
  24. In punta di fiore
  25. Limonium (o Statice)
  26. Lavanda, il profumo dei ricordi
  27. Dove fioriscono le violacciocche
  28. Fresie
  29. Camelia
  30. Helleboro - la rosa di Natale
  31. Sboccia il ciclamino ed è subito autunno
  32. Zamioculcas zamiifolia
  33. Peperoncinio: bello buono e scaccia guai
  34. Fiori d’Angelo, magia di una tradizione
  35. Hibiscus - Un saluto dalle Hawaii
  36. Quanta strada ha fatto il Ranuncolo
  37. Tulipani - Ogni fiore ha la sua stagione
  38. Cattleya, il fiore che abbraccia l’eleganza
  39. Polianthes tuberosa, profumo di amori veri
  40. Gli zampognari all’alba nel Mercato dei fiori
  41. Profuma d’Oriente il fiore per il palato - Tulipani del Siam - Curcuma longa
  42. Caffè: storia, cultura e piaceri
  43. Giardini, amore & fantasia
  44. Una coppa di petali color fragola: ecco la rosa ‘Yves Piaget’
  45. Fragole da giardino, cibo delle fate
  46. Garofano, fiore degli dei, ha fatto sognare i popoli
  47. Latte, pane e fiori
  48. Dirlo coi fiori, al tempo di Whats App

BLOG - Donna tra i Fiori